Come superare il dolore dopo la separazione

Con la fine di un rapporto si prova dolore: è così per tutti. La separazione viene sentita non solo da chi è stato lasciato, ma anche dalla persona che se ne è andata. Con la separazione si rompe un pezzo del nostro mondo perfetto, quello in cui due persone condividono il resto della propria vita assieme, fanno progetti per il futuro; un mondo in cui tutto è concentrato sulla coppia.
Ma a volte la vita ci riserva sorprese e ci apre altre strade.

Ci sono mille motivi che possono portare alla fine di un rapporto. E questo solleva sempre la questione di come gestire il loro dolore dopo la separazione e trovare la forza di andare avanti. Entrambi sono in realtà i presupposti per eventualmente aprire un nuovo rapporto.

Forse ti sei lasciato da poco, sei da solo e il tuo ex se ne è andato oppure sei stato abbandonato. In ogni caso ci si sente male e ci si chiede che cosa si può fare al riguardo.

Confidati con i tuoi amici e familiari

L’antico detto “solo chi parla può essere aiutato” è vero. Parla dei tuoi sentimenti, della tua tristezza e della tua delusione momentanea. Vedrai che ti aiuterà. Pensare ad altro non porta a niente perché è davvero necessario processare la separazione. Ascolta ciò che provi  e non nasconderlo agli altri. Naturalmente non devi andare in giro con un cartello che dice: “Sono triste perché il mio ex mi ha lasciato”. Alcune persone sono molto buone e di fiducia, ma si dovrebbe sempre far attenzione con chi ci si confida. Questo non ha nulla a che fare con la debolezza. Al contrario, incontrerai un sacco di comprensione. Tutto ciò ti aiuterà a fare chiarezza e a capire i tuoi sentimenti. Una volta che ti sarai confidato ti accorgerai che starai po’ meglio e non ti sentirai più così solo e inferiore!

Cercare l’aiuto di un esperto

Alcune persone superano il dolore della separazione dopo un paio di settimane o mesi, altri hanno bisogno di un intero anno per farlo. Non esiste un metodo giusto o sbagliato. Se provi questo senso di dolore a causa della separazione per più mesi (e diventa sempre più intenso) allora è consigliabile prendere in considerazione la ricerca di un aiuto psicologico professionale.

Cerca distrazioni e nuove attività da fare

Prima o poi arriva il momento di cambiare e cercare di rendere la tua vita interessante. Evita di buttarti a capofitto in un altro rapporto. Se vuoi farlo però è importante che tu abbia chiuso con la vecchia relazione. Altrimenti non è il caso di cominciarne una nuova . Sappi che se lo fai sarai sleale nei confronti dell’altra persona. Il modo migliore è quello di cercare nuove attività da fare. Molti si chiedono come fare. La vita da single apre nuove strade. Perché non prenoti  un corso di yoga o di auto-difesa, o cominci a seguire un corso di lingua straniera? Potresti frequentare lezioni di ballo o diventare un volontario per il canile comunale. Forse potresti finalmente fare quel tanto atteso viaggio a Roma, Parigi o Londra. Ora puoi fare tutte queste cose!

Scrivi del tuo dolore

Alcune persone trovano che scrivere aiuta a superare il dolore della separazione. Quando non si ha voglia di condividere alcuni momenti con nessun altro il diario può diventare il tuo migliore amico.
In esso puoi annotare liberamente le tue sensazioni; vedrai che poi ti sentirai sollevato.
Molte persone non scrivono perché pensano di non avere il talento giusto per farlo. Potrebbe anche essere, ma  sappi che non è importante come scrivi. La scrittura ti aiuta a trovare un equilibrio interiore. Non devi mica vendere un libro! Scrivere ti aiuterà, fidati.

Concentrati nella tua carriera

Per superare il dolore della separazione ti consigliamo di concentrarti sulla tua carriera, può rappresentare una fonte di distrazione. Anche se ti manca una qualifica è sufficiente avere un po’ di ispirazione. Le persone spesso trascurano la loro vita professionale per dedicarsi alla vita di coppia.

Dopo una rottura, concentrarsi un po’ più sulla professione, non è solo una gradita distrazione ma rappresenta anche un motivo per cominciare a guarire dal tuo dolore. Sappiamo tutti che impatto positivo ha questo sulla tua autostima, che era stata ferita dopo la rottura con il partner.

Diventa attivo e cerca un nuovo partner

Se qualche volta ti viene voglia di interagire con persone del sesso opposto, buttati! Ci sono molte opportunità. È possibile registrarsi per esempio, in molti siti di dating online: iscriviti gratuitamente! Li potrai incontrare persone nuove con cui chattare, persone interessanti da conoscere. Se invece preferisci uscire di casa per cercare qualcuno allora informati sulle feste per single. In ogni caso, ci sono infinite possibilità.

Conclusioni

Il dolore della separazione fa male, non c’è dubbio. Ma ci sono numerosi sentieri che portano fuori da questa situazione dolorosa. Rinunciare o perdere la gioia di vivere non serve a niente. Chi è riuscito a superare il dolore della separazione, è diventato più forte ed è cresciuto interiormente. Tu hai dimostrato che puoi farcela anche da solo. Guardando indietro, si arriva alla conclusione sorprendente che l’esperienza dolorosa della separazione non solo ha avuto aspetti negativi, ma anche positivi nella tua vita. Professionalmente sei riuscito a fare di più, hai fatto nuove amicizie e forse alla fine hai anche trovato il partner giusto per te!
 

Comments

  1. Emi  September 26, 2017

    Penso che questa piattaforma oggi mi ha aiutato a riordinare un po’ le idee. Sono stata lasciata un paio di settimane fa con un “rallentiamo, stiamo correndo troppo”, senza nemmeno rendermi conto che l’uomo di cui mi ero innamorata mi stava lasciando. Durante queste settimane, scavando nei suoi pensieri con mail e whatsapp oggi mi ha scritto che vuole ricucire i rapporti con la moglie, e sono caduta come si suol dire dall’ottavo piano, mandando il cuore in frantumi. Preciso che l’ho conosciuto cinque mesi fa, quando si era da poco separato e per separato intendo dire che aveva lasciato casa per trasferirsi in campagna e star un po’ da solo. Appena ha manifestato interesse per me gli ho spiegato che l’unico difetto in lui che vedevo era il fatto che era sposato e che non volevo esser l’amante di nessuno, ma volevo nella mia vita una relazione stabile. Avendo interessi in comune ci vedevamo regolarmente a delle riunioni, insieme ad un gruppo politico di cui entrambi facciamo parte come attivisti. In quella sede ha iniziato a farmi capire che si stava innamorando di me e io di lui. Sembravamo fatti l’uno per l’altra e abbiamo passato insieme settimane molto belle, fino a quando mi ha confessato di aver detto alla moglie che l’aveva tradita per anni con un’amica di lei e che ora si era innamorato di un’altra donna cioè io. Oltre ad aver confessato tutto alla moglie, compresa la mia esistenza nella sua vita, ha anche raccontato alle figlie del nuovo amore, volendo ufficializzare tutto per non doversi nascondere. In tutto questo ho cercato di non assecondarlo e di ripetergli che era meglio andar piano e per gradi perchè si stava rischiando di far soffrire troppe persone. Ha nel frattempo conosciuto i miei genitori, anche se io continuavo ad esser col freno a mano tirato e spesso mi sentivo anche dire che sono una persona troppo razionale e dovrei lasciarmi andare di più nelle relazioni sentimentali. L’ho convinto ad andare in vacanza qualche giorno da solo con le sue figlie, per ricostruire un rapporto con loro e rendere stabile il legame padre figlie mentre si stava sistemando il nuovo appartamento dove voleva vivere da solo. Anch’io vivo da sola e prima di incontrare quest’uomo stavo bene ed ero single da qualche anno, proprio perchè una tormentata relazione mi aveva devastato. Oggi leggere solo via whatsapp che i lavori nella casa nuova e la distanza dalla famiglia gli hanno fatto capire che vuole ricucire i rapporti con sua moglie, mi ha ammazzato dentro. In qualche modo questa piattaforma mi ha consolato con un possibile “piano di rientro” da coma d’amore. Quindi vi ringrazio e cercherò di ricominciare dallo sport. Probabilmente lentamente uscirò da questa delusione, cercando di salvaguardare me stessa, perchè come scrivete nei consigli, prendersi cura di noi stessi è la miglior ricetta per iniziare a stare bene. Grazie. Buona serata. Emi

    reply
  2. Gianna  May 8, 2017

    Fra 1 anno andrà in pensione e mi vuole lasciare allora io ho deciso di lasciarlo adesso,dopo 40 anni di matrimonio,e tanti tradimenti……non mi ama …..io ho seri problemi di salute e da qualche mese avrei voluto conforto ma lui niente…..ho vissuto sempre x lui,non ho lavorato e sono depressa ……piango e soffro ma è l’unica soluzione almeno lui riesce a trovare l’amore e la sua libertà……ma come farò io che lo amo?

    reply
  3. Franca  April 9, 2017

    Io nello stesso vostro identico stato a momenti…a volte riesco ad elaborare la cosa in modo diverso! Sono certa che la cosa più importante da fare è ritrovare se stessi! Nel senso che la vita di coppia è comoda perché c’è sempre qualcuno accanto a te….poi però quando non c’è più si cade in un baratro di paure e incapacità di fare le cose da soli…e quindi davvero la cosa più importante e capire cosa siamo in grado di fare da soli e farlo ovviamente! Gli amici contano, ma non faccciamo l’errore di usarli per scappare dalla solitudine…io sto lavorando per apprezzare i momenti in cui sono sola, per fare tutte le cose che mi piacciono e di solito non riuscivo a fare perché dovevo fare qualcosa con la famiglia…. con questo non voglio dire che stare da soli è bello, ci devono essere però anche questi momenti di vera solitudine per poterci dedicare a noi stessi con tutti noi stessi! Forza che siamo forti!

    reply
  4. Lucio G  February 4, 2017

    Soffro troppo e non credo che riuscirò mai a superare questo mio dolore. Amo A la amo da morire anche se mi ha messo sempre un po’ in difficoltà con il suo carattere. Ora è finita per colpa mia , ho sbagliato, preciso che non ho tradito, il guaio è che in un amen mi ha messo fuori gioco.
    Piango, sto davvero male è troppo spesso pensò di volermi addormentare e non svegliare mai più.

    reply
  5. Davide  October 28, 2015

    Io sono quello che si può definire un bulldozer, uno con le spalle larghe che sopporta tutto, anche i problemi degli altri. Almeno ero. Sono stato vent’anni di cui 12 di matrimonio con la stessa donna. Due figli di 9 e 6 anni. Per me era il centro del mondo, ma quattro anni fa ha iniziato a dirmi che con me non stava bene. Io cercavo di parlarle, di capirla, ma niente. Poi ha iniziato a dirmi che ero vecchio ( ho 6 anni più di lei), che ero grasso (non proprio) , ad accusarmi di mille cose anche inesistenti, ha iniziato a curare il proprio aspetto molto di più, ecc. Ho subito sospettato che ci fosse qualcun’altro. Lei ha sempre negato fino a che, sfruttando le mie conoscenze di informatica ho trovato più di quello che avrei voluto. Ha compiuto quarant’anni e mi ha detto che è dall’età di dodici anni che è innamorata di quest’uomo. Non ho il coraggio di separarmi perché i miei figli quando hanno saputo delle nostre intenzioni sono praticamente impazziti dal dolore. Ora mi trovo tra accontentare loro, o distruggermi ogni giorno. Sicuramente non può più considerarmi grasso. Sono talmente teso che sto dimagrendo a vista d’occhio. I miei familiari sono a molti km da me, mi sono ritrovato praticamente senza amici, non so cosa pensare o fare. Non riesco a capire come ci si può ridurre in questo modo è a farmene una ragione. Se sono non l’avessi amata così tanto.

    reply
    • Giusy  September 21, 2016

      Sei stato sfortunato cerca di uscire e nuove donne.ti innamorerai di muovo.
      Auguri

    • Tommaso Vagnini  January 19, 2017

      Ti sono vicino, veramente con il cuore, perchè da come scrivi si vede che sei una gran persona e non ti meriti minimamente questo.. spero adesso che stai meglio e ti auguro di aver risolto questi problemi, un grande abbraccio davide forza!

  6. Sincero  July 17, 2015

    Certo sono consigli utilissimi ma comunque rimane il dolore. Io dopo 13 anni circa di matrimonio sono rimasto deluso, non mi aspettavo una cosa del genere da parte sua… Cercherò di continuare a vivere da solo, ma e difficile! Adesso mi e rimasto solo il lavoro.

    reply
    • Francesca  May 29, 2016

      Mio marito mi ha abbandonato dopo 18anni di matrimonio. Inutile dire che non ho più voglia di fare niente. Mi sfogo con il pianto e con il cibo.lui pensa a divertirsi e a me sono rimasti dei figli e una famiglia da portare avanti da sola….non lo perdonero’mai.

    • eli  August 15, 2016

      Ciao Francesca io ti capiso perché a me e successo la stessa cosa, sono passati 10 mesi, dentro ho tanta rabbia, forse incapibile agli altri. Stavamo insieme da 21 anni con una bimba di 11 anni, lui e uscito di casa, senza trovare nessuna soluzione.
      Ti faccio tanti auguri che tu trova la serenità, come la devo trovare io.

    • Fra  September 25, 2016

      Come vi capisco io sono appena stata lasciata da un mese non riesco ad accettare la cosa stavamo insieme da 24 anni bello di invecchiare insieme !!!

  7. Marisa  May 16, 2015

    Tutti consigli utili, per carità. Li ho messi in pratica tutti nessuno escluso. Ho ottenuto anche alcuni successi ma la solitudine è rimasta. Non aspetto un ritorno ma escludo di riuscire a reinnamormi. Ho impiegato 4 decenni a costruire un rapporto che credevo saldo invece non è stato così. Non sono mesi che sento questo peso ma anni e nonostante tutti i tentativi citati nell’articolo il senso di abbandono, la sensazione che mi sia stata rubata la vita persiste e comincio a credere che non mi abbandonerà mai.

    reply
    • Ciorgia  June 9, 2015

      Come si fa a elaborare sto maledetto lutto?

Leave a Reply to Lucio G
click here to cancel reply